Pensieri (caldi) della domenica. A casa di Amici

Tante persone si lamentano che una volta diventati genitori, tutti gli amici si fanno di nebbia. Spariscono nel nulla.
Io dico che forse allora non erano proprio per niente Amici.
Perché noi possiamo dire di tutto, dei nostri Amici, tranne che si siano fatti di nebbia o che siano spariti da quando sono arrivati i due rospetti. ANZI. Semmai, il contrario.
Abbiamo Amici che valgono camionate di oro.
Amici che ci cercano, ci aiutano, si spupazzano i bimbi, ci giocano, li consolano, li curano, li amano proprio come se fossero i loro cuccioli.
Amici che nei primissimi mesi del nostro tsunami, ci portavano la cena o i pranzi già pronti perché sapevano che altrimenti non mangiavamo.
Amici che si sono offerti di ospitare me e i due piccoli mostriciattoli ogni volta che mio marito é in trasferta.
Amici che si sono addirittura offerti di tenerci i bimbi una notte, nel periodo in cui le notti erano un puro delirio, per farci dormire una sera dopo mesi di agonia.
Amici che si offrono di tenerceli una sera se io e mio marito vogliamo regalarci una cenetta da soli.
Amici che, pur di passare del tempo insieme, si fanno distruggere la casa dai mostriciattoli e attrezzano una “stanza dei giochi” tutta per i bimbi.
E comprano anche il tavolinetto di Ikea per farli mangiare.
Amici che, pur di cenare insieme, accettano di mangiare con le galline alle sette.
Amici che, pur facendo le cose più semplici del mondo, riempiono le giornate, scaldano i cuori, fanno stare Bene. Noi e i bimbi.
I miei bimbi li vivono come zii.
Sono sereni e felici con loro, giocano, ridono, si fanno coccolare e anche sgridare quando serve.
Li riconoscono, li salutano quando li incontrano all’asilo. Si muovono dentro le loro case con scioltezza, giocano coi loro cani come se fossero i nostri.
Sono a proprio agio, sono felici, sono sicuri.
E così, davanti a lasagne con melanzane e mozzarella, ottimo vinello e un “bimbopiatto” da leccarsi i baffi, noi al tavolo dei grandi, loro al tavolo dei piccoli, scivolano le ore di una domenica dal tempo incerto.
Dal clima fresco, ma dal cuore caldo caldo.

20120930-191838.jpg

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in vita coi gemelli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...