Il valore di un giardino…

Oggi e’ una meravigliosa giornata. Ventun gradi, un sole splendido, vento quasi assente, nessuna nuvola all’orizzonte…
Oggi i miei bimbi, che finalmente stanno meglio, sono tornati “a scuolina”, come la chiamiamo “noi” (cioe’ io e loro due…che ovviamente ancora non la chiamano, ma ormai sembrano capire bene il significato di quella parola). Ci sono andati volentieri, come sempre. Certo la levataccia alle 6.30, oggi che (ovviamente) dormivano beati, se la sarebbero forse risparmiata…ma le parole “scuolina” e “dade”, l’infilarsi berretta e giubotto a quell’ora vergognosa del mattino, li fanno stranamente sorridere ed essere felici, quindi evidentemente trovano divertente e interessante questa strana avventura dell’asilo. Non vedono quasi l’ora di scendere dalla macchina, di aprire i cancelli che ci separano dai loro fantastici tappeti e giochi..non faccio in tempo a metterli seduti sul tappetone, che afferrano un giochino dal cestone e ciao, la mamma non esiste gia’ più!
Pero’….
Pero’ quando poi a mezzogiorno e un po’ mi vedono arrivare…devo dire che e’ una gran bella soddisfazione vederli mollare tutto quello che hanno in mano per alzare le braccia all’aria dall’entusiasmo, spalancando la bocca in sorrisoni meravigliosi e urletti di gioia e facendo a gara per essere presi in braccio per primi…
I miei ometti….cosi uguali e cosi diversi…cosi simmetrici e cosi complementari…
Un giorno sembra più serio, timido e coccolone uno…il giorno dopo ovviamente accade esattamente il contrario!
Lore sembra il più caciarone, il “matto” in apparenza..ma in realta’ quello più fragile, più insicuro, più coccolone, più mammone…
Tommy sembra un pulcino indifeso, con quello sguardo cosi dolce, cosi da cucciolino (al contrario di quello vispo e diabolico del fratello), ma in realta’ si rivela spesso il più forte, il più “indipendente”, il più leader fra i 2…
Ma ogni giorno e’ una storia a se’, ogni giorno mi stupiscono con uno o più atteggiamenti o comportamenti che avrei attribuito senza ombra di dubbio all’uno, per poi scoprire che invece era stato l’altro.
Pazienza, abbiamo tutta una vita davanti per imparare a conoscerci!

Dopo averli presi dall’asilo, oggi a mezzogiorno e qualcosa, li ho caricati in macchina, dopo averli liberati di quei giubbotti tanto belli quanto stufosi…BASTA! E’ ora di svestirsi un po’!! Quindi via la giacca e a sedere belli comode nelle “poltroncine” della macchina.
Stranamente non sono crollati nel tragitto asilo-casa (una cosa tipo 5 km, che in macchina ci mettiamo 5 minuti a fare…ma l’asilo evidentemente li cucina al punto giusto!)…quindi dopo aver mangiato un boccone alla velocita’ della luce, ho deciso di portarli fuori in giardino.
Che spettacolo…
Ogni volta che lo faccio, mi riempio il cuore di gioia per la grande opportunita’ che avranno i miei bimbi: avranno un gran bel parco tutto per loro (oddio, da dividere coi cani ovviamente!), dove potranno vivere mille avventure, crearsi mille favole, scoprire miliardi di cose, correre all’infinito, stendersi per terra a guardare il cielo, dare calci a palloni, fare gare in bicicletta, fare a pallate con delle racchette in mano…il tutto con una bella rete di protezione, che ai giorni d’oggi vale come l’oro credo!
Avranno uno spazio per loro da sfruttare appieno, nella tranquillita’ di essere a casa e al sicuro.
In giornate come queste mi dico che il regalo più grande per 2 bimbi piccoli e’ una bella casa con un bel verde intorno, che gli dia modo di scaricarsi, invitare amici, giocare coi cani senza l’ansia o la preoccupazione di cosa puo’ succedere.
QUESTO gia’ mi ricompensa per tutte le fatiche fisiche e mentali che ci aspettano da qui alla fine del nostro grande progetto…Sapere di poter rendere felici i miei bimbi con questo bel regalo, mi dara’ la forza per stringere i denti sempre, da oggi al giorno in cui potro’ aprire la ormai famosa “porta di casa nostra”…

Sapere, poi, di avere accanto un marito eccezionale, oltre che un papa’ eccezionale, mi da’ il resto delle energie. E’ stato troppo facile, in questi mesi, dimenticarsi di quanta ricchezza possiede dentro di se’ quel fantastico uomo che 4 anni fa ho sposato.
E’ stato troppo facile farsi annebbiare la vista e il cervello dalle fatiche, le ansie, i pensieri, le paure. Ora basta. Ora si riaccende il cervello. E si ricomincia da NOI.
Da me in primis, che e’ ora. Non perche’ sono un’egoista, ma perche’ sto cadendo davvero a pezzi e se non mi “incollo” in qualche modo, non vado proprio da nessuna parte…
Da NOI…
Dalla NOSTRA FAMIGLIA…

Quanto potere in una passeggiata nel nostro bel giardino…..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...