…dedicato a mio marito…

ieri avevo letto questo post in un blog molto bello che ho appena scoperto. Mi sembrava fosse cucito addosso a me in questi giorni. Con una sostanziale differenza….

Mentre il post successivo di quel blog aveva un bel finale, il MIO finale non è proprio “bello”…oddio, non che sia successo niente, eh…Ma mentre quella mamma, messo da parte l’orgoglio, aveva potuto chiedere una mano alla nonna e alla bisnonna, qui queste alternative non ci sono, quindi che sia questione di orgoglio oppure di mancanza di alternative, di fatto a casa nostra funziona che “o io, o io”.

Io però inizio ad essere stanca, perchè non staccare mai, nè di giorno nè di notte, da ormai 6 giorni, con i bimbi malati che fra cagotto e vomito non la smettono più (e ora sono ricomparsi anche tosse e raffreddore, che avevamo appena – apparentemente – debellato), con lamenti continui, mammite acutissima, naso colante e, di conseguenza (ovviamente) notti di lamenti e pianti inconsolabili…beh, io non so più dove trovare le forze e le energie!

Mentre la notte cerco in qualche modo di calmarli (tentativi TUTTI destinati a fallire, perchè Dio solo SA cosa c’è che li infastidisce e cosa bisognerebbe fare per aiutarli), mi rendo conto con una consapevolezza quasi violenta, che LORO DUE saranno sempre più forti di me e di tutta la mia buona volontà. Vedere che SISTEMATICAMENTE quando il primo inizia a muoversi per il dolore/fastidio, è l’ALTRO che inizia a piangere prima ancora che cominci il primo, è di un frustrante che mai. Percepire così chiaramente che il dolore fisico (o fastidio) dell’uno è ESATTAMENTE il dolore fisico (o fastidio) che prova l’altro è qualcosa che mi annienta. Come posso pensare IO di poter fare qualcosa per loro? Loro, che soffrono l’uno per l’altro. Loro che quando è solo un pianto di “capriccio” o di coccolite, non si contagiano, ma quando stanno fisicamente scomodati, sembrano un tutt’uno…Loro, che fanno gli stessi movimenti di disagio nello stesso identico momento. Loro, che invece a volte sembrano giocare alla staffetta e alternano con sincronia e ritmo perfetti gli starnuti, i colpi di tosse, i lamenti per le coccole o per non addormentarsi.

Sono davvero un mondo a parte, non c’è niente da fare. Ed è un mondo GIGANTE ai miei occhi…che chissà se si farà mai conoscere da me, chissà se mi permetterà di entrarci e di creare un’interazione con “lui” e con quel legame speciale che c’è lì dentro. A volte mi sento così piccola, così inutile, così fastidiosa, quasi, per loro. Mi sembra di lottare con qualcosa che non conosco ma che ha una forza 100 volte più grande della mia. Mi viene da arrendermi. Cosa combatto a fare? Con chi poi? Tanto saremo sempre 2 contro 1…

A volte quella frustrazione mi schiaccia. Mi si piazza sul cuore, sui polmoni. Mi toglie il fiato. Mi fa venire da piangere. Ci metti tutto il tuo impegno, ma è inutile, non basta. A volte viene da chiedersi “Ma allora cosa mi ci impegno a fare??”… Ma poi li guardi, li vedi per quello che sono, cioè 2 cuccioli, 2 bimbi che HANNO BISOGNO di te, della loro MAMMA, per quanto sia poco quello che tu puoi fare, ma DEVI ESSERCI, devono sentirti, sentire il tuo odore, toccare i tuoi capelli, il tuo viso, guardarti dritto negli occhi e cercare in quegli occhi tutto l’amore che gli serve…

E’ dura. Oggi è una giornata particolarmente dura. Ma passerà, come sono sempre passate tutte le altre giornate.

Discutere con il marito a distanza di certo non aiuta. E’ il colpo di grazia a tutto il marasma che già provo dentro. A volte anche quella sembra un’impresa impossibile: parlarsi, capirsi, non equivocare le parole dell’altro e trovare il punto di incontro. Stare lontani non aiuta. Sono quasi 9 mesi che siamo stati risucchiati da questo tsunami ed è un vortice che sembra non volerci mollare più. Troppe cose da fare, da organizzare, da dire, da capire, da spiegare..le incomprensioni sono la cosa più facile che può succedere ad una coppia già normalmente, figuriamoci se la coppia è dentro una centrifuga da quasi 1 anno e per di più NON DORME da quasi 1 anno.

Mi sento dire “forse non abbiamo le capacità per affrontare tutto questo, soprattutto per le trasferte lontano da casa”. Io credo che di capacità abbiamo dimostrato di averne DA VENDERE. Noi due non siamo bravi, SIAMO STRA-BRAVI. Stiamo facendo TUTTO da soli, senza aiuti. E i nostri bimbi purtroppo sono bimbi impegnativi, che cercano attenzioni, coccole, presenza fisica e che fino all’altro giorno hanno sofferto continuamente, giorno e notte, di reflusso. Ma sono sereni, sani, felici, bellissimi, coccoloni, vivaci, attenti, curiosi, svegli, dolcissimi. Ed è tutto merito NOSTRO, mio e di quel zuccone di mio marito. Perchè nonostante stress, stanchezza, mancanza di sonno, nervosismo, litigi, tensioni, avvilimenti e tutto il resto, i nostri figli respirano un’aria serena, equilibrata, gioiosa, amorevole. Perchè nonostante tutto quel bel casino elencato poc’anzi, quello che vince ancora, su tutto, è il nostro AMORE…e anche se non c’è tempo per manifestarlo come prima, o a volte non c’è la voglia perchè si è discusso, o non si hanno materialmente le forze anche solo per un abbraccio, beh, è SEMPRE LI’, filo conduttore di tutto, filo che ci lega, tutti e 4 (anzi, tutti e 6, compresi i nostri cagnoloni) con un nodo ancora più forte e più stretto di prima.

Le nostre vite sono cambiate, come potrei negarlo. Sono ribaltate, per certi versi svuotate, ma per altri stra-riempite. Ma NOI siamo sempre NOI. E QUESTO, MARITO MIO, DOVRESTI STAMPARTELO PER BENE NEL CERVELLO…e soprattutto NEL CUORE…

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in vita coi gemelli e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a …dedicato a mio marito…

  1. sexrider ha detto:

    brava, continua a lottare e ad amare!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...